Storie per imparare, divertirsi e riflettere


Proviamo a intraprendere insieme questo divertente percorso tra parole curiose ed onomatopee, tra sogno, magia e realtà. Nella categoria Storie troverete le favole e i racconti; in News dal mondo dell’infanzia e Opinioni argomenti di interesse generale per i genitori. E, a grande richiesta, abbiamo aggiunto la categoria Per i grandi, una selezione (lo ammettiamo, arbitraria) di eventi e manifestazioni non necessariamente per bambini e famiglie. Buona navigazione.

Arriva a Prato la conferenza-spettacolo per ragazzi


kinkaleri-hit-parade-2

Hit Parade. L’arte va in scena”  di Kinkaleri

Una preziosa occasione per tutti coloro che desiderano calarsi nel clima di folle sperimentazione artistica della Parigi dei primi decenni del Novecento. Lo spettacolo sarà ospite della Stagione per le scuole del Teatro Metastasio – Stabile della Toscana.
La conferenza-spettacolo Hit Parade. L’arte va in scena di Kinkaleri, in programma al Teatro Fabbricone di Prato da martedì 4 a venerdì 7 aprile alle ore 10, nasce per avvicinare un pubblico di ragazze e ragazzi dalla scuola media in poi al clima di folle sperimentazione artistica della Parigi dei primi decenni del Novecento, quando una miscela esplosiva di musica, danza, arte visiva travolge il pubblico della capitale francese.
In scena Duccio Brinati, danzatore del Maggio Musicale Fiorentino che, con Marco Mazzoni, racconta e interpreta l’incredibile periodo storico che diede avvio a una rivoluzione epocale dei linguaggi, i cui effetti si rintracciano oggi nelle forme più contemporanee di rappresentazione
Sergej Djagilev, Vaclav Nižinskij, Jean Cocteau, Coco Chanel, Igor’ Stravinskij, Pablo Picasso, Rolf de Maré, Francis Picabia, Erik Satie: sono solo alcuni dei protagonisti di quella feconda stagione. La loro storia è narrata attraverso due racconti paralleli: il performer interpreta i personaggi e le opere di quel tempo, mentre un flusso continuo di immagini recuperate sul web scorre come riferimento alle parole e alle azioni sulla scena. In modo continuo e senza fratture il discorso si struttura come forma compiuta, sciolta e organizzata, presentando personaggi e coreografie storiche fino ad una bagarre finale dove la performance esplode in tutte le direzioni, cercando anche la complicità e l’azione del pubblico.
«Le Avanguardie storiche dell’inizio del secolo scorso fecero nascere quell’intercapedine nella quale da allora si collocano tutta l’arte contemporanea e tutte le deviazioni delle singole discipline, in primis il teatro e la danza» suggeriscono Massimo Conti, Marco Mazzoni e Gina Monaco, fondatori e anime del collettivo artistico Kinkaleri. «Hit Parade mostra materiali, personaggi e opere cercando di mettere in piena evidenza le molteplici connessioni, le tensioni e le aspettative che in quegli anni allargarono l’idea di rappresentazione fino ad allora convenzionalmente accettata».
Kinkaleri nasce nel 1995 come raggruppamento di formati e mezzi in bilico nel tentativo. La natura dinamica del gruppo ha permesso di consolidare una ricerca creativa personale, riconosciuta sulla scena delle arti performative contemporanee in Italia e all’estero. Dal 2001 Kinkaleri risiede a Prato nello spazioK, luogo di lavoro della Compagnia e Centro di Residenza Regionale per la città di Prato che ospita il progetto is it my world?, serie di appuntamenti volti a sostenere la conoscenza e la sensibilità verso la sperimentazione e la ricerca dei linguaggi contemporanei.
 Duccio Brinati, laureato in estetica, è stato danzatore al Maggio Musicale Fiorentino dal 1988 al 2015. È autore di importanti pubblicazioni di settore tra cui Il libro della Danza (2008). Si specializza in percorsi formativi e divulgativi sulla storia della danza.

Il Teatro Fabbricone si trova in Via Ferdinando Targetti 10/12 a Prato.

Info sulla Rassegna: http://www.metastasio.it/it/met-ragazzi/.

Info sulla Compagnia: http://www.kinkaleri.it/.

still-da-video-kinkaleri-hit-parade-le-documentaire-2012-3

still-da-video-kinkaleri-hit-parade-le-documentaire-2012-4

La biblioteca di Elisa


Elisa Scala non c’è più, ma in un certo senso c’è ancora. Il suo sogno, infatti, sta crescendo di giorno in giorno, grazie alla magia dei libri che tanto amava. Partecipare all’iniziativa un Libro per Elisa è semplice come il gesto del donare. E chissà che tante biblioteche scolastiche possano sorgere in ogni angolo del Paese proprio grazie al suo sogno. Dal link che segue è possibile scaricare tutta la sua storia di passione e amore per la vita e per la scrittura: la-biblioteca-di-elisa-19-ottobre.

foto

Perché leggere

Io sono, anzi mi definirei “amica dei libri”, ti propongo di leggere i libri, perché impari a conoscere il mondo, io riesco a dire dei libri: anche se sono, anzi ti sembrano “alti” non ti devi spaventare, perché quando lo inizi a leggere immaginerai tutte le immagini che lo scrittore ha cercato di descrivere e potrai stare in milioni di posti e rileggendolo potrai viaggiare quante volte vorrai.  Leggere un libro è interessante perché ti fa aprire e crescere la mente.

Elisa Scala

la-biblioteca-di-elisa-19-ottobre

Il Giornalino e GBaby attendono i vostri lavoretti


In edicola, Il Giornalino

In edicola, Il Giornalino

 

Una bella novità, spero, per tutti gli amici di Favoleperimparare. Iniziando a camminare insieme alla storica testata Il Giornalino, settimanale delle edizioni San Paolo in edicola da oltre 92 anni, è nata l’esigenza di raccogliere quanti più lavoretti possibili, da tutta Italia. Se vi va di proporre le opere d’arte dei vostri bambini, potete spedirle al mio indirizzo e-mail: antonio.voceri@gmail.com. Sono gradite: la foto del lavoretto, il nome e l’età dell’autore, la città. In aggiunta, perché no, due righe di racconto dell’opera da parte del piccolo artista. Non solo, oltre ai lavoretti, è bene accetta la posta, dunque domande, curiosità e sfoghi da rivolgere direttamente a Il Giornalino. Aspettiamo anche le vostre barzellette! Lo stesso vale per GBaby, mensile dedicato ai più piccoli. Per ogni comunicazione, utilizzate pure il mio indirizzo di posta elettronica. E non scordatevi di Junior I Love English, per imparare l’inglese divertendosi.

ILEJ1603_COPERTINA

 

 

Favole Senza Frontiere, vince Paolo Sassaroli


Paolo Sassaroli vince il concorso Favole Senza Frontiere. Splendide favole in lingua originale, per spiegare ai bambini, in modo semplice e divertente, il problema dell’immigrazione. Senza alcuna inclinazione di parte, i racconti si susseguono attraverso imprese difficili. I protagonisti, a volte uomini e a volte animali, affrontano avventure pericolose. Strappati alle loro terre, devono farsi accettare da chi li ospita. In forma di racconto, favola o poesia, questo libro, pensato per i bambini ma adatto anche agli adulti, non vi lascerà indifferenti.
Una curiosità: gli autori sono i vincitori dell’omonimo Concorso letterario. Le selezioni si sono svolte leggendo esclusivamente le opere, senza vedere a chi appartenessero. Per questo troverete racconti di scrittori già noti, di ragazzi giovanissimi che hanno svolto questo progetto con i loro insegnanti o semplicemente di genitori e persone che vogliono trasmettere un loro messaggio ai bambini. I testi son pubblicati nelle lingue in cui sono pervenuti alla casa editrice Alcyone, perché un libro senza frontiere, è un libro senza limiti di lingua, età, provenienza, e mestiere che si svolge. Il 5% del guadagno della vendita dei libri andrà all’associazione “France terre d’asile“.

Paolo Sassaroli, vincitore del concorso Favole Senza Frontiere, indetto dalla Casa Editrice ALCYONE

Paolo Sassaroli, vincitore del concorso Favole Senza Frontiere, indetto dalla Casa Editrice ALCYONE

EventualMente, la Sicilia che alza la testa


CasaEditrice01

Nasce nel 2010 a Comiso, nel Ragusano, la piccola casa editrice Eventualmente che dedica parte della propria produzione all’editoria per i ragazzi e per l’infanzia. Presentiamo, dunque, questa dinamica realtà siciliana, inserendo recapiti e contatti nel nostro elenco “Editori per bambini e ragazzi“. La case editrice indipendente è diretta da Nicola Rampin – autore di poesia e appassionato di pittura e fotografia, di origini venete ma residente a Pedalino -, ideatore e fondatore dell’Associazione Culturale Selene.
Edizioni EventualMente punta molto sull’originalità e sulla ricerca di nuovi talenti, con l’intento di crescere insieme a essi: “E’ un processo di crescita comune estremamente bilanciato – dice il Rampin – e, oltre modo, improntato su una grande professionalità con un team tutto nuovo, pronto e sensibile ma anche ambizioso” e che si avvale di numerose figure professionali di primo piano tra cui: Nicola Rampin (Staff Editor), Raffaella Moltisanti (Consulente Editoriale e Responsabile Ufficio Stampa), Stefania Sabatino (Artista, docente di disegno e storia dell’arte), Massimo Mormile (Webmaster). A Edizioni EventualMente va anche un “in bocca al lupo” da parte di Favoleperimparare.

Qui, Quo e Quark a Villa Adriana


DSCN0807

La magnifica Villa Adriana a Tivoli raccontata dai bambini. In questo montaggio di Favoleperimparare, un’idea di format per le scuole o per i media. Cinque minuti, tre bambini/ragazzi, un sito da conoscere, un mestiere da imparare insieme: regia, riprese, montaggio. Conoscere la storia, apprendere un mestiere giocando, promuovere il territorio italiano. Per vederlo cliccate su Qui, Quo e Quark a Villa Adriana.